Letture totali: 1292

Area: Igiene Urbana

Ufficio: UFFICIO IGIENE URBANA

Allo scopo di disincentivare il fenomeno delle discariche abusive, il Comune mette a disposizione delle utenze domestiche, tramite il gestore Aemme Linea Ambiente, un servizio di raccolta domiciliare e trasporto di rifiuti ingombranti.

A CHI RIVOLGERSI: 

Per prenotare il servizio è necessario telefonare al Numero Verde 800 19.63.63 o scrivere un’e-mail all’indirizzo segnalazioni@aemmelineaambiente.it al quale risponderanno gli addetti della ditta incaricata, con la quale andrà concordata la data del ritiro a domicilio.

 

Le utenze diversamente abili e anziani (dai 65 anni) per prenotare il servizio gratuito devono telefonare al Numero Verde 800 19.63.63 o scrivere un’e-mail all’indirizzo segnalazioni@aemmelineaambiente.it. L’ufficio comunale verificherà il diritto all’accesso gratuito al servizio e, in caso positivo, attiverà il ritiro tramite il gestore del servizio, con il quale l’utenza concorderà la data del ritiro a domicilio.

COSA OCCORRE: 

Limiti di accettabilità per il ritiro a domicilio:

- peso non superiore a Kg. 200 per singola prenotazione.

- Peso massimo per singolo pezzo: Kg 50

- Numero massimo mobili: n. 4

- Numero massimo beni durevoli: n. 1

- Lunghezza massima lato maggiore: 2,5 metri

- N. massimo di ritiri per utenza: 1 al mese

COSTI:
 

Il ritiro è gratuito solo per utenze diversamente abili, anziani (dai 65 anni) o comunque individuate dall’ufficio servizi sociali del Comune.

Per tutte le altre utenze il servizio è a pagamento secondo le seguenti tariffe:

- da 1 a 4 pezzi: €/viaggio 80,00 + IVA (€ 97,60).

- da 4 pezzi a viaggio completo (ciò che ci sta in un mezzo Daily cassonato mc. 6): €/viaggio 100,00 + IVA (€ 122,00)

Il pagamento del servizio di ritiro domiciliare può essere effettuato esclusivamente tramite bonifico intestato ad Aemme Linea Ambiente all’IBAN IT04U0503420211000000004887 (inviando la contabile di pagamento a mezzo e-mail all’indirizzo segnalazioni@aemmelineaambiente.it).

 

È previsto un massimo di 1 ritiro al mese per utenza, a prescindere dalla gratuità o meno del servizio.